venerdì 6 marzo 2009

Tutta una farsa.


Dice Shakespeare : " Tutto il Mondo è un palcoscenico.E tutti,uomini e donne,non sono che attori.Hanno le loro entrate e le loro uscite.Ciascuno nella sua Vita recita diverse parti ".

Dice Perls : " Recitiamo a due livelli:sul palcoscenico pubblico,che è quello in cui agiamo in concreto,in modo visibile e verificabile; e sul palcoscenico privato,quello del pensiero,delle prove,nel quale ci prepariamo per i futuri ruoli che intendiamo recitare ".

Io.Sul palcoscenico privato.Immagino di dirti : " Sono lo specchio in cui vedi riflessa l'immagine della persona che sei diventato.Le palle te le sei giocate a carte.E le hai perse.Insieme a quel cervello che,presumo,ti sia caduto nelle mutande.Il che,naturalmente,ne implicherebbe una precedente esistenza ( Se scrivo troppo difficile non hai che da dirmelo.Mio nipote,di 5 anni,è pronto a spiegarti il senso primo delle mie parole ).Sei fatto di carne ed egoismo.Di superficialità e leggerezza.Di vittimismo e dolori che non hai saputo affrontare.
Puoi ambire,credo,a due categorie di donna : la ragazzina inutile,volgare,e mentalmente limitata,la cui cultura ( inesistente per l'appunto ) non ti farà sentire stupido come una palla di fango;la troietta che apre le cosce al primo venuto,purchè - si intende - il malcapitato abbia un considerevole conto in banca.
Ergo,io sono troppo,ma veramente troppo,per te".

Io.Sul palcoscenico pubblico.Ti dico : " Amati.Rispettati.Sii felice.Ma,per favore,fai in modo che le nostre strade non debbano incrociarsi mai più ".

L'intelligenza spaventa chi non ce l'ha.

16 commenti:

JAENADA ha detto...

Evvabbè,mi stai dicendo che sono vigliacco e sessuomane?Sai che novità....Conosci,o speri di conoscere,un uomo che non lo sia?Morirai sola e anziana in un eremo di montagna leggendo libri di Patricia Cornwell :))

Un sorriso.Jaenada.

Antonia ha detto...

Non mi pare poi così sgradevole come fine :)
Posso avere anche un bel gattone da coccolare però? :D

Un sorriso.Antonia.

silvio di giorgio ha detto...

ninetta, anche questo post è "ipotetico" come l'incontro con lorenzo?

comunque esistono uomini gaudenti e non vigliacchi..:-) sessuomane non mi definisce,mi sento epicureo...:-)

Luca ha detto...

Ahi...Un pò di risentimento!? Non è sano averne...Ma fa bene sfogarlo...se posso...Tieni sempre a mente: "Chi non ti vuole non ti merita"...Lo so è un proverbio e vale quello che vale, ma se queste frasi, i proverbi appunto esistono da migliaia di anni e ancora si usano un motivo c'è, ti pare!? Te lo dico io si usano perkè sono maledettamente corretti! ;) Tu continua ad ambire al massimo e non accontentarti, me che meno di individui come quello a cui hai rivolto il post...Insultali se ti fa stare bene, ma non illuderti di cavarne un ragno dal buco...non possono capire gli manca l'equipaggiamento per farlo!

Rispondo a Jaenda...se posso....Non tutti gli uomini sono così e non lo dico perkè sono uomo ma perkè è un dato di fatto, come non esistono solo generi di donne, pardon femmine, perchè le donne sono altra cosa (come altra cosa sono gli uomini, che si differenziano dai maschi) come le due classi descritte da Antonia...Il problema è che questo genere di persone, siano esse femmine o uomini, sono numericamente maggioritari e soprattutto, data la loro pochezza mentale, sono più evidenti e vivono o meglio dispongono della vita in modo più completo perkè più superficiale...E' tutta un'illusione, la gente sveglia (nel senso più possibile vasto del termine), può solo compatirli e continuare a resitere e cercare in mezzo a tutto il marasma dei loro pari senza accontenatrsi puntando al massimo, al massimo per loro.

desaparecida ha detto...

vabbè fai in modo che tu non debba incrociare più strade con persone "piccole di mente"!

Periodo di "pulizie di primavera noto"...noto! ;)

un bacio

Ishtar ha detto...

Mi piace sentirti così!!!
Brava sai quanto vali e non lo svendi...continua cosi, un abbraccio :)

Bk ha detto...

Mmm...
è uscito così solo ora?
in ogni caso ho un deja vù...
non è già successo?
cmq mi piaceva + il post dell'intervista stile iena...

Tintarella di... Luna ha detto...

Ma che gente frequenti?Ti posso assicurare che ce ne sono di più interessanti ;)E se poi sono davvero tutti estinti Patricia Corbwell lo leggeremo insieme
A presto!!!

Francesco ha detto...

Bello...
Però non tutti son vigliacchi e sessuomani.
Ti auguro di incrociarne uno che sia così...e ancor di più ti auguro che sia il momento, il tempo giusto...altrimenti ti rimarrà il ricordo dell'amore grande finito perchè nel tempo sbagliato, ben peggiore, a mio avviso, dell'amore grande sbagliato.

Il mondo è pieno di bravi uomini...è che si incontrano sempre quelli sbagliati.
;)

Antonia ha detto...

Per Silvio Di Giorgio : No tesoro.Questo post non è ipotetico.E' realistico che più realistico non si può :P


Per Luca : Sottoscrivo,una per una,tutte quante le tue parole.
Cerco un incontro che mi promuova alla mia altezza e non mi accontenterò di niente di meno.
Ho imparato,col tempo,che è preferibile,di gran lunga,scontrarsi con persone furbe e cattive ma mentalmente dotate.Contro la stupidità e l'ottusaggine di taluni,invece,non si può combattere.L'ignoranza è sorda.Ma urla forte.


Per Desaparecida : Sarò più prudente in futuro mamma-cat ^_^


Per Ishtar : La rabbia va incanalata di modo che generi successo,ed io,anche se tardi,comincio a comprendere lo spessore della persona che sto diventando.Non gli permetterò più di farmi sentire sbagliata!!


Per Bk : No Bruchetto.Non è mai successo.Forse ti confondi con il blog di qualcun'altro.Il post sull'intervista è in cantiere.Volevo modificarlo un pò e poi ripubblicarlo ;)


Per Tintarella di Luna : Allora facciamo così.Se gente interessante e con gli attributi non dovesse passare da queste parti ... ci diamo appuntamento io e te sul cucuzzolo di una montagna,con la collezione completa dei libri della Cornwell ^_^


Per Francesco : Le tue parole sono un pugno nello stomaco.E' sempre stato così,nella mia Vita.Incontro persone potenzialmente adatte,ma nel momento sbagliato.Sbagliato per loro,il più delle volte.Non per me.


Un sorriso.Antonia.

maria rosaria rossini ha detto...

mi sono soffermata sulla risposta che hai dato a ishtar, e mi sembra riassuma efficacemente il succo della questione; solo una piccola nota: stai cominciando a comprendere il tuo spessore, e non è assolutamente tardi... è solo l'inizio di un giusto, sano e lungo cammino. plaudo al tuo "non permetterò più di farmi sentire sbagliata"; mai, antonia, a nessuno.

Antonia ha detto...

Questa storia mi ha insegnato una cosa importante.La gente che si sente in difetto tende a deprezzare e a mettere in ombra coloro che gli stanno intorno.Accecati dal proprio egoismo e incapaci di reagire alle proprie sconfitte,preferiscono puntare il dito contro gli altri piuttosto che agire su se stessi e migliorare.
Hai colto perfettamente il punto nevralgico della questione.Per tutto il tempo mi sono sentita un errore umano,sbagliata in qualunque cosa facessi o dicessi.Sbagliata anche perchè non sono una stanga bionda di 1 e 80.Poi ho capito che il problema era suo.I dolori contro i quali non è stato in grado di lottare lo hanno reso un uomo piccolo piccolo,capace solo di nuocere agli altri e privo di qualunque forma di generosità ed altruismo.

Un sorriso.Antonia.

Ps : scusa lo sfogo.Ho tanta di quella rabbia dentro!!

JAENADA ha detto...

A me le stangone bionde alte 1 e 80non sono mai piaciute.Le donne le ho sempre preferite piccole e nere (e Clio ne è la conferma vivente).

P.S. Lo so bene che non tutti gli uomini sono vigliacchi e sessuomani,ma abbassare le aspettative altrui (e molti ometti che ci sono in giro sono d'aiuto) è un buon escamotage per farsi apprezzare più di quanto si meriti.Io per esempio,sono coraggiosetto e ragionevolmente allupato e ciò mi basta ampiamente per fare un figurone :)

Luciano ha detto...

Toc toc...
Antonia?
Buona domenica ............
Il caffè alla prossima...

Ciao Antonia

Vagamundo ha detto...

Avevo una compagna, alle elementari, riccia e mora, che voleva essere bionda "per essere bella".
E' l'indole di chi é stato un po' troppo influenzato dalle principesse delle favole (versione edulcorata per bambini scemi). Purtroppo anche i maschi non sono esenti da quest'iconografia.

La mia domanda al tuo privato (quindi non richiede per forza una risposta) é: se le vostre strade si sono incrociate, non sará perché anche tu lo hai voluto?
Se questo microcefalo "puó ambire solo a due categorie di donna", se il dolori lo hanno reso piccolo piccolo, che ci facevi tu sul suo scenario?

Non starai sputando su questa palla di fango per coprire te stessa? E se era l'uomo giusto, ma nel suo momento sbagliato, non sará colpa del "momento", o di nessuno?

Se é uno stronzo di natura, fa solo quello che la sua natura gli impone. Se é tanto mediocre, quello che non mi spiego é
come mai ti ha implicato tanto.

Oggi non sono indulgente, scusa, ma come sempre é perché ci sono passato anch'io. E non mi identifico con lui, ma con te. E con l'autocritica che sto facendo.

Comunque (scusa lo sproloquio) mi hai fatto ricordare il grande personaggio femminile del film "Un cuore in inverno", una maestosa Emmannuelle Bèart.

Antonia ha detto...

Per Jaenada : Tu il figurone lo fai a prescindere,con quel musetto dolce dolce,tutto da strapazzare *_*


Per Luciano : Buona domenica anche a te :)


Per Vagamundo : Io adoro essere riccia e mora.Sono "particolare",esente da ogni forma di stereotipo.Ma tenevo a lui,e il sentire di essere lontana dal suo ideale mi feriva.Irragionevolmente.

Me lo sono detta tante volte.Le cose si fanno in due.Ragion per cui,io ho contribuito affinchè le nostre strade si incrociassero.Avevo visto nei suoi occhi una bontà,una generosità,una profondità d'animo che era,invece,ben lontano dal possedere.Ho,come spesso accade,idealizzato un cammino che la sua mancanza di coraggio non gli avrebbe mai permesso di intraprendere.
Il primo,e il più grave degli errori,è stato il mio.

Uomo giusto.Al momento sbagliato.E'la mia persecuzione.Mi è capitato spesse volte.Persone potenzialmente adatte,incontrate in periodi assolutamente disastrosi e disastrati.Ed è stato così anche in questo caso.E allora si,forse non è colpa di nessuno.Forse.
Vero è che lui,con la sua assoluta incapacità di leggersi dentro con onestà e spirito critico,ha perpetuato l'errore,rendendolo irreparabile.
Perchè è questo il punto.Sapeva di non essere pronto per una storia impegnativa con una ragazza impegnativa.Ne era cosciente.Consapevole.Ma,ciò nonostante,mi ha trascinata in questa cosa( e io mi sono fatta trascinare !! ),raccontando a se stesso e a me che "si stava innamorando" ...

Guarderò il film.Grazie per avermi fatta riflettere.

Un sorriso.Antonia.