martedì 6 ottobre 2009


"Illudendomi di scegliere le parole di una scena che è la stessa da sempre,sempre ... quasi fino a diventare niente" ...

"Ti scrivo in una camera,nella semi-oscurità.Da qui posso commuovermi,di nascosto al Mondo,al quale ormai mi sento estranea nel profondo.
L'immenso e il suo contrario sono luoghi del mio cuore ... "

Dio mi ha dato gli occhi,e me li ha messi sotto la fronte,non sulla nuca,perchè io guardassi al futuro.Anche se quel futuro non ha un nome.
C'è un tempo giusto per andarsene dalla vita di una persona,persino dalla propria,anche quando non si ha un posto dove andare.Soprattutto quando non si ha un posto dove andare.
Non c'è giorno in cui non mi sforzi di essere il giocatore di scacchi,invece che il pezzo sulla scacchiera.Non c'è giorno in cui io non perda quella partita.
Certe volte la solitudine aiuta ad oltrepassare il muro della stupidità.Ma chi è stupido non ce la fa a stare da solo con sè stesso.
La vera felicità non si lascia trovare,se ti scopre a cercarla.La vera felicità nasce dalla fiducia in sè stessi.
Si sa che tornare indietro equivale a sbagliare.Andare avanti non da certezza di sopravvivenza,ma da speranza ...

13 commenti:

Lila ha detto...

tornare indietro equivale a sbagliare? non so se si può davvero tornare indietro. Non so se sbagliare sia poi così terribile, se contiamo che ci prepara a fare la cosa 'giusta'.
un filo di speranza, di primo mattino.
un abbraccio

Paolo ha detto...

La Speranza è cosa Buona davvero...ti fa voltare pagina...scordare del passato...chi ha avuto avuto chi ha dato ha dato... (note di una famosa canzone napoletana)...avanti un altro giro di giostra...

Un Saluto
da Paolo

Duca Nero ha detto...

Indietro non si torna
Si cambia strada
Anche senza sapere dove si va


un bacio

Errante ha detto...

Come canta il Boss "Like soldiers in the winter's night. With a vow to defend. No retreat, baby, no surrender"

offstage ha detto...

Mi e' subito venuto da cercare sulla tua spalla destra il pensiero di Samuel Beckett...buon proseguimento.

Baol ha detto...

Andare avanti senza guardare indietro come fu ordina ad Orfeo e lui disobbedì e perse Euridice...

però c'è una splendida canzone di Vecchioni in cui ipotizza un'altro motivo per il suo voltarsi

un abbraccio

Antonia ha detto...

Per Lila : ... è più che gradito :)


Per Paolo : Chi ha avuto ha avuto.Chi ha dato ha dato.Scurdammc o passat ... bella la saggezza della mia terra.


Per Duca Nero : Soprattutto senza sapere dove si va.



Per Errante : Ehm ... non la conosco,e il mio inglese lascia a desiderare.Me la traduci,please? :D



Per Offstage : Quella frase è la mia pietra miliare.


Per Baol : Me ne dici il titolo?Così la cerco ...


Un sorriso.Antonia.

arrgianf ha detto...

bellissima la frase tratta dalla canzone "sempre" di Lisa. La cantante è sparita nonostante il grande successo di quella canzone.

Errante ha detto...

"Like soldiers in the winter's night. With a vow to defend. No retreat, baby, no surrender"

"Come soldati nella notte d'inverno. Con una trincea da difendere. Niente ritirata, amore, niente resa."

La canzone è "No surrender" di Springsteen, che parla dell'amore come di una trincea da difendere ad ogni costo.

MAURIZIO ha detto...

E chi avrà mai certezza assoluta? Tornare indietro si può... ma non sempre.
Anche dimenticare è possibile, in alcuni casi indispensabile...
Ma non puoi governare ogni angolo di te stesso... i ricordi e le sensazioni restano e riaffiorano a prescindere da te...
E un giorno prendono il loro posto... e restano la... a "reggere" il tuo passato e a costruire una parte del tuo presente....

*La Jas... ha detto...

c'era un periodo in cui dicevo sempre:il gioco degli scacchi sono io.

cosa nn ti permette di fare scacco matto e vincere questa partita?

Baol ha detto...

La canzone si intitola "Euridice" ed il testo è questo qui:

Morirò di paura
e venire là in fondo,
maledetto padrone
del tempo che fugge,
del buio e del freddo:
ma lei aveva vent'anni
e faceva l'amore,
e nei campi di maggio,
da quando è partita,
non cresce più un fiore ...
E canterò,
stasera canterò,
tutte le mie canzoni canterò,
con il cuore in gola canterò:
e canterò la storia delle sue mani
che erano passeri di mare,
e gli occhi come incanti d'onde
scivolanti ai bordi delle sere;
e canterò le madri che
accompagnano i figli
verso i loro sogni,
per non vederli più, la sera,
sulle vele nere dei ritorni;
e canterò finché avrò fiato,
finché avrò voce di dolcezza e rabbia
gli uomini, segni dimenticati,
gli uomini, lacrime nella pioggia,
aggrappati alla vita che se ne va
con tutto il furore dell'ultimo bacio
nell'ultimo giorno dell'ultimo amore;
e canterò finché tu piangerai,
e canterò finché tu perderai,
e canterò finché tu scoppierai
e me la ridarai indietro.

Ma non avrò più la forza
di portarla là fuori,
perché lei adesso è morta
e là fuori ci sono la luce e i colori:
dopo aver vinto il cielo
e battuto l'inferno,
basterà che mi volti
e la lascio nella notte,
la lascio all'inverno...

e mi volterò
le carezze di ieri
mi volterò
non saranno mai più quelle
mi volterò
e nel mondo, su, là fuori
mi volterò
s'intravedono le stelle

mi volterò perché l'ho visto il gelo
che le ha preso la vita,
e io, io adesso, nessun altro,
dico che è finita;
e ragazze sognanti m'aspettano
a danzarmi il cuore,
perché tutto quello che si piange
non é amore.
e mi volterò perché tu sfiorirai,
mi volterò perché tu sparirai,
mi volterò perché già non ci sei
e ti addormenterai per sempre.

Antonia ha detto...

Mio Dio Baol ... è meravigliosa!!